Great clothes, an amazing location…and good food //

A very quick review of yesterday’s late night opening at Workshop Torino //

An important part of the event (apart from shopping) was the charity initiative set up by Giulia Acchiardi, who owns the shop //

Those attending the event could in fact by one or more plants (thyme, sage) and devolve the money to a local charity foundation //

If you wish to take one more look to the lovely things sold by Workshop Torino you can drop by Byhand Show, an event taking place Fri 21st - Sun 23rd March at Archivio dello Stato (located in Turin downtown) //

See you there! //

There are only a few places that are truly meaningful to us //
Special corners we keep in our hearts as precious treasures and are not so easy to share with others //
But Workshop Torino definitively has to be talked about out loud //
It’s a lovely shopping corner in Turin (Italy), with a taste for vintage allure and contemporary design, always keeping an eye on quality and research //
So if you happen in Turin this March, 18th, you will come across a “late opening” event during which you’ll have the chance to browse the upcoming SS14 collection…until 9.30 pm! //
Which means a lot of time to try up some lovely dresses to match with even lovelier handbags and shoes //
And even do some good buying flowers for charity //
See you there! //

The “Swap Phenomenon”, or: how to smile-spend your money away

image

"Credit crunch", "crisis", "bankruptcy" //

During these later years we all learnt to deeply know and use and fear these words //

But what better occasion to show off your capabilities and smartness than the darkest and hardest times? //

That’s exactly when people get smart and invent new ways to keep the old habits and standards //

Take the swap phenomenon, for example //

The web came to be a neverending source for deals and discounts, with websites and virtual communities through which compare prices and spend money in a wiser (and more aware) way // 

So some people here and there around the world decided to recreate this possibility also offline, giving birth to “real” places dedicated to…swapping stuff //

Which means: I give you my Prada handbag that I don’t use anymore, you give me your (same valued) Miu Miu sweater //

Good both for your wardrobe AND your wallet //

Try to put “swap club” keywords into Google and see if there’s any place nearby where you can just do the same (Italian people, for exampe, can check out THIS website) //

image

I always get fascinated by personalities connected to the fashion world in the most unusual ways, and I always like to look through BIOs in the search for new stories to tell //
My latest discovery is Thayaht [find out more here] - pseudonym of Italian artist and designer Ernesto Michahelles //
He lived in the first part of the XX Century, and was involved with the Italian Futurist movement //
He was a sculptor, a painter, an inventor and even a goldsmith //
But what’s the link with fashion? //
Well, this polyhedric man invented what he himself defined as “the most innovative, futuristic garment ever produced in the history of Italian fashion”: TuTa, which is nothing more than the track suit //
So it happens that one of the most versatile garments (together with white t-shirts and denim trousers) was invented not by a fashion designer but by an artist //
Definitively unexpected! //

I always get fascinated by personalities connected to the fashion world in the most unusual ways, and I always like to look through BIOs in the search for new stories to tell //

My latest discovery is Thayaht [find out more here] - pseudonym of Italian artist and designer Ernesto Michahelles //

He lived in the first part of the XX Century, and was involved with the Italian Futurist movement //

He was a sculptor, a painter, an inventor and even a goldsmith //

But what’s the link with fashion? //

Well, this polyhedric man invented what he himself defined as “the most innovative, futuristic garment ever produced in the history of Italian fashion”: TuTa, which is nothing more than the track suit //

So it happens that one of the most versatile garments (together with white t-shirts and denim trousers) was invented not by a fashion designer but by an artist //

Definitively unexpected! //

"Osmotheque", or: where perfumes take a break

image

Everyone has its own Buen Retiro: a place where to forgive and forget, where to isolate from the rest of the world //

Former “nose” Jean Kerleo founded this unique sort of olfactory library in Paris, just around the corner of beautiful and magnificent Chateau de Versailles //

Since 1990 the retired perfumer Yves Tanguy runs the “Osmotheque” [link to website], where fragrances from the past and present are stored //

Nearly 2,500 fragrances are guarded there, treated as true jewels //

A precious olfactory database where it is possible even to recreate scents based on descriptions contained in old writings, novels, tales //

Alla guida di un nome che è sinonimo da sempre di moda italiana, amica di Lady Gaga, che le ha dedicato anche una canzone nel nuovo album, persino stilista di Barbie: in poche parole, Donatella Versace // Un’icona amatissima e riconosciuta anche da chi di moda se ne intende poco // Il talento di Donatella si estende a tutte le modalità di espressione che possiate immaginare, e se gliene sfugge ancora qualcuna potete star certi che ci sta pensando proprio in questo momento //
Uno degli ultimi progetti lanciati dalla Versace è una serie di collaborazioni che hanno l’obiettivo di celebrare l’eredità creativa della maison reinterpretandola attraverso gli occhi di altri designer //
Tocca quindi agli Haas Brother, già autori di una collezione homewear presentata durante l’ultima edizione della Settimana del Mobile a Milano, mettere le mani sul patrimonio visivo e tattile di casa Versace per restituirci una serie di capi e accessori limited edition a dir poco stuzzicanti // Ricchezza di dettagli e voluttuosità sono i segni particolari di tutta la loro produzione, che spazia da bracciali a T-shirt e collane //
Oro, nero, stampe “importanti”: tutti i principali tratti distintivi per cui Versace è un brand noto e apprezzato sono presenti in questa collezione iscritta al cosiddetto “curator project” promosso da Donatella //
E se “Play it loud” è il mio motto personale di sempre in fatto di abbigliamento, Donatella ne è potenzialmente la complice ideale, con la sua visione della moda massimalista ed estroversa, aperta alle contaminazioni e alle commistioni con altri mondi, che la rende un personaggio ancora più apprezzabile, nel panorama di un sistema, quello modo, spesso troppo elitario // E il patrimonio Versace, come vediamo in questa limited edition con gli Haas Brother, fatto di elementi pop e altri barocchi, di riferimenti alla cultura alta, ma anche al mondo della musica rock è stimolante per un creativo, oltre che ad avere nel proprio dna l’attitudine a reinventarsi costantemente // Ci godiamo questa capsule, in attesa di altre future sorprese! //

Alla guida di un nome che è sinonimo da sempre di moda italiana, amica di Lady Gaga, che le ha dedicato anche una canzone nel nuovo album, persino stilista di Barbie: in poche parole, Donatella Versace //
Un’icona amatissima e riconosciuta anche da chi di moda se ne intende poco //
Il talento di Donatella si estende a tutte le modalità di espressione che possiate immaginare, e se gliene sfugge ancora qualcuna potete star certi che ci sta pensando proprio in questo momento //

Uno degli ultimi progetti lanciati dalla Versace è una serie di collaborazioni che hanno l’obiettivo di celebrare l’eredità creativa della maison reinterpretandola attraverso gli occhi di altri designer //

Tocca quindi agli Haas Brother, già autori di una collezione homewear presentata durante l’ultima edizione della Settimana del Mobile a Milano, mettere le mani sul patrimonio visivo e tattile di casa Versace per restituirci una serie di capi e accessori limited edition a dir poco stuzzicanti //
Ricchezza di dettagli e voluttuosità sono i segni particolari di tutta la loro produzione, che spazia da bracciali a T-shirt e collane //

Oro, nero, stampe “importanti”: tutti i principali tratti distintivi per cui Versace è un brand noto e apprezzato sono presenti in questa collezione iscritta al cosiddetto “curator project” promosso da Donatella //

E se “Play it loud” è il mio motto personale di sempre in fatto di abbigliamento, Donatella ne è potenzialmente la complice ideale, con la sua visione della moda massimalista ed estroversa, aperta alle contaminazioni e alle commistioni con altri mondi, che la rende un personaggio ancora più apprezzabile, nel panorama di un sistema, quello modo, spesso troppo elitario //
E il patrimonio Versace, come vediamo in questa limited edition con gli Haas Brother, fatto di elementi pop e altri barocchi, di riferimenti alla cultura alta, ma anche al mondo della musica rock è stimolante per un creativo, oltre che ad avere nel proprio dna l’attitudine a reinventarsi costantemente //
Ci godiamo questa capsule, in attesa di altre future sorprese! //

Cosa succede quando due brand ad alto tasso di “iconicità” decidono di creare qualcosa insieme? //
Succede che il risultato di tale collaborazione arriva a guadagnare il titolo di must have prima ancora di aver raggiunto la vetrina di un negozio, ma che dico, la pagina di un sito o blog di tendenza che sia //
I marchi in questione sono l’americana Converse e la francese Maison Martin Margiela. Come dire, la calzatura status symbol di una gioventù piena di vita e senza età, e il massimo sinonimo di essenzialità e concettualità estetica //
I modelli rivisitati in “chiave Margiela” sono la Chuck Taylor All Star e la Jack Purcell, interamente ridipinti a mano (ovviamente) in bianchissimo bianco, colore favorito dalla maison europea. Questa lava immacolata ricopre le calzature in toto, senza trascurare nemmeno lacci e suole //
Il comunicato stampa ufficiale parla di “spirito di individualità” e “autoespressione”, che in effetti rappresentano l’autentico trait d’union tra i due brand, forti di se stessi e portatori sani di uno stile unico e inconfondibile per chi li indossa. Maison Martin Margiela aggiunge una connotazione ulteriore, parlando di suggestioni visive che conferiscono alle calzature quasi un senso di mistero //
Ma l’identità delle calzature non è tenuta segreta per sempre: lo strato bianco cede pian piano al tempo e all’usura, rivelando il colore originale della scarpa. Tonalità previste dalla collezione: rosso, nero, blu navy e giallo vintage – un’autentica chicca cromatica made in Margiela //
La collezione “Converse First String” celebra l’artigianalità e premia l’unicità, per una moda che punta a contrastare l’omologazione in favore di una netta dichiarazione d’indipendenza – lo stile non si compra, si costruisce giorno dopo giorno //
Una limited edition d’autore (doppio), potremmo dire. Doppio autore, doppia soddisfazione, aggiungiamo //

Cosa succede quando due brand ad alto tasso di “iconicità” decidono di creare qualcosa insieme? //

Succede che il risultato di tale collaborazione arriva a guadagnare il titolo di must have prima ancora di aver raggiunto la vetrina di un negozio, ma che dico, la pagina di un sito o blog di tendenza che sia //

I marchi in questione sono l’americana Converse e la francese Maison Martin Margiela. Come dire, la calzatura status symbol di una gioventù piena di vita e senza età, e il massimo sinonimo di essenzialità e concettualità estetica //

I modelli rivisitati in “chiave Margiela” sono la Chuck Taylor All Star e la Jack Purcell, interamente ridipinti a mano (ovviamente) in bianchissimo bianco, colore favorito dalla maison europea. Questa lava immacolata ricopre le calzature in toto, senza trascurare nemmeno lacci e suole //

Il comunicato stampa ufficiale parla di “spirito di individualità” e “autoespressione”, che in effetti rappresentano l’autentico trait d’union tra i due brand, forti di se stessi e portatori sani di uno stile unico e inconfondibile per chi li indossa. Maison Martin Margiela aggiunge una connotazione ulteriore, parlando di suggestioni visive che conferiscono alle calzature quasi un senso di mistero //

Ma l’identità delle calzature non è tenuta segreta per sempre: lo strato bianco cede pian piano al tempo e all’usura, rivelando il colore originale della scarpa. Tonalità previste dalla collezione: rosso, nero, blu navy e giallo vintage – un’autentica chicca cromatica made in Margiela //

La collezione “Converse First String” celebra l’artigianalità e premia l’unicità, per una moda che punta a contrastare l’omologazione in favore di una netta dichiarazione d’indipendenza – lo stile non si compra, si costruisce giorno dopo giorno //

Una limited edition d’autore (doppio), potremmo dire. Doppio autore, doppia soddisfazione, aggiungiamo //

Hackett London è noto per essere “il marchio del gentleman moderno”. E che cosa deve fare un uomo, al giorno d’oggi, per onorare i dettami dell’eleganza e dello charme maschile più classico senza scadere nell’anacronismo? //
Materiali e forma rimangono naturalmente gli aspetti su cui mantenere intatta una certa intransigenza, anche se sono i tocchi di stile personali – un colore, un dettaglio, un gioco di contrasti – l’autentica cifra stilistica del gentiluomo contemporaneo //
Tra i tessuti più amati di sempre rientra il Principe di Galles, che prende il suo nome dal Ducadi Windsor e che mai come in questo caso sprizza brit allure da tutti i pori // Perché a produrre una collezione con questo materiale è appunto un brand inglese come Hackett London, e soprattutto perché la “Check Collection” contribuirà alla raccolta fondi per l’organizzazione The Prince’s Trust, ente caritatevole fondato nel 1976 dal Principe Carlo e dedicato al mondo giovanile //
“The Prince of Wales Check Collection”, questo il nome completo della capsule collection, è stata realizzata utilizzando la versione grey check/blue over-check del prezioso tessuto, applicata sia a capi di abbigliamento che agli accessori //
L’autunno/inverno 2013 vedrà quindi lo sfoggio di completi, giacche, cravatte e persino ombrelli creati nel segno di questo iconico materiale //
Il tocco in più? La provenienza dei tessuti: i più importanti opifici inglesi, come Fox Brothers, Lovat e William Halstead, hanno fornito la prestigiosissima materia prima, contribuendo a firmare i nuovi capolavori di casa Hackett //

Hackett London è noto per essere “il marchio del gentleman moderno”.
E che cosa deve fare un uomo, al giorno d’oggi, per onorare i dettami dell’eleganza e dello charme maschile più classico senza scadere nell’anacronismo? //

Materiali e forma rimangono naturalmente gli aspetti su cui mantenere intatta una certa intransigenza, anche se sono i tocchi di stile personali – un colore, un dettaglio, un gioco di contrasti – l’autentica cifra stilistica del gentiluomo contemporaneo //

Tra i tessuti più amati di sempre rientra il Principe di Galles, che prende il suo nome dal Ducadi Windsor e che mai come in questo caso sprizza brit allure da tutti i pori //
Perché a produrre una collezione con questo materiale è appunto un brand inglese come Hackett London, e soprattutto perché la “Check Collection” contribuirà alla raccolta fondi per l’organizzazione The Prince’s Trust, ente caritatevole fondato nel 1976 dal Principe Carlo e dedicato al mondo giovanile //

“The Prince of Wales Check Collection”, questo il nome completo della capsule collection, è stata realizzata utilizzando la versione grey check/blue over-check del prezioso tessuto, applicata sia a capi di abbigliamento che agli accessori //

L’autunno/inverno 2013 vedrà quindi lo sfoggio di completi, giacche, cravatte e persino ombrelli creati nel segno di questo iconico materiale //

Il tocco in più? La provenienza dei tessuti: i più importanti opifici inglesi, come Fox Brothers, Lovat e William Halstead, hanno fornito la prestigiosissima materia prima, contribuendo a firmare i nuovi capolavori di casa Hackett //


Steven Meisel sul set per Prada: cast(ing) d’eccezione per la campagna autunno/inverno 2013 //


Steven Meisel, fotografo superstar e beniamino di Franca Sozzani, editor in chief di Vogue Italia, presta il suo genio creativo alla campagna autunno/inverno 2013 di Prada //
Le protagoniste della clip sono giovani attrici piene di fascino e di speranze, che si presentano ad un cast immaginario in cui chi le osserva è un insaziabile predatore di bellezza. Dei loro splendidi volti come degli abiti della maison di moda milanese //
Un minuto e trentasei secondi di puro godimento estetico, un rapido eppure esaustivo assaggio della stagione che verrà, dominata da rossi intensi e neri misteriosi, materiali frivoli e stampe naive // Timidi quadretti Vichy rosa e bianchi o bianchi e azzurri fanno capolino tra cappotti in rettile e pellicce lussuriose. Silhouette d’altri tempi e sandali bicolore in oro riecheggiano codici estetici di epoche in cui la figura femminile era tutta charme e seduzione //
Il video di Meisel restituisce atmosfere oscure e inafferrabili, raccontando vizi segreti e aspirazioni che solo le partecipanti a questo particolarissimo casting riescono a comprendere fino in fondo // Questo carosello animato da nove personaggi in cerca d’autore si muove sullo sfondo musicale di “Shallow then Halo” dei Cocteau Twins, elemento che potenzia ulteriormente la carica metaforica delle immagini // Tra i volti noti, dalla supermodel Freja Beha all’”esotica” Fei Fei Sun, astro nascente del modeling made in China //
Un cocktail esplosivo di dettagli che convergono su una collezione pronta a conquistare descrizioni superlative e il portafoglio dei buyer internazionali, senza deludere nemmeno questa volta i supporter storici del brand //

Steven Meisel sul set per Prada: cast(ing) d’eccezione per la campagna autunno/inverno 2013 //

Steven Meisel, fotografo superstar e beniamino di Franca Sozzani, editor in chief di Vogue Italia, presta il suo genio creativo alla campagna autunno/inverno 2013 di Prada //

Le protagoniste della clip sono giovani attrici piene di fascino e di speranze, che si presentano ad un cast immaginario in cui chi le osserva è un insaziabile predatore di bellezza. Dei loro splendidi volti come degli abiti della maison di moda milanese //

Un minuto e trentasei secondi di puro godimento estetico, un rapido eppure esaustivo assaggio della stagione che verrà, dominata da rossi intensi e neri misteriosi, materiali frivoli e stampe naive //
Timidi quadretti Vichy rosa e bianchi o bianchi e azzurri fanno capolino tra cappotti in rettile e pellicce lussuriose. Silhouette d’altri tempi e sandali bicolore in oro riecheggiano codici estetici di epoche in cui la figura femminile era tutta charme e seduzione //

Il video di Meisel restituisce atmosfere oscure e inafferrabili, raccontando vizi segreti e aspirazioni che solo le partecipanti a questo particolarissimo casting riescono a comprendere fino in fondo //
Questo carosello animato da nove personaggi in cerca d’autore si muove sullo sfondo musicale di “Shallow then Halo” dei Cocteau Twins, elemento che potenzia ulteriormente la carica metaforica delle immagini //
Tra i volti noti, dalla supermodel Freja Beha all’”esotica” Fei Fei Sun, astro nascente del modeling made in China //

Un cocktail esplosivo di dettagli che convergono su una collezione pronta a conquistare descrizioni superlative e il portafoglio dei buyer internazionali, senza deludere nemmeno questa volta i supporter storici del brand //

A una manciata di giorni dalla seconda edizione torinese della Cena in Bianco (organizzata anche quest’anno da Antonella Bentivoglio D’Afflitto attraverso il suo “The Kitchen of Fashion”), mi trovo a riflettere sul colore che la caratterizza //
Il bianco è una tonalità che evoca molte cose, dall’impalpabilità delle nuvole al candore della neve //
Ma in questo caso richiama innanzitutto il concetto di leggerezza, dandogli un retrogusto squisitamente estivo //
Prossimamente Torino verrà conquistata da una distesa di ospiti biancovestiti e relativi accessori da tavola biancoricoperti //
Un autentico esercito silenzioso, eco (ciascuno sarà responsabile dei rifiuti prodotti) ed elegante che farà parlare nuovamente di sè, andandosi a sommare ai colleghi delle altre Cene in Bianco sparse in giro per il mondo //
Pronti quindi a sfoderare fiori e candeline per riempire di vita il misterioso angoletto di Torino scelto per quest’anno, ripetendo il mantra dell’evento: educazione, estetica, eleganza, etica //